Queenstown Cricket Ground (Nuova Zelanda)La ASD CRICKET CALABRIA è in questo momento alla ricerca di un terreno pianeggiante di erba dove poter ubicare quello che sarà il primo campo di cricket nella storia di questo sport nella nostra regione. Un campo dove i nostri ragazzi/e possano addentrarsi in questo meraviglioso sport di origine Inglese e dove la Calabria possa avere la possibilità di essere rappresentata nel campionato nazionale, accogliendo in questo modo altre regioni dell’Italia che già lo praticano come è il caso della Sicilia, Campania, Emilia-Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Toscana, Trentino o Veneto.

Un campo dove la Calabria possa ricevere la visita di squadre internazionali per giocare partite amichevoli, professando così una sorta di Turismo Sportivo attraverso il quale far conoscere anche il nostro territorio, o per realizzare stage di allenamento in un paesaggio immerso nella Natura con le ottime condizioni climatiche che offre la nostra regione; un campo dove mettere in pratica la cultura dell’incontro e dell’integrazione.

Sebbene le partite di cricket tradizionale si giocano in un campo in erba di forma ovale o circolare, anche a volte quadrata, non ci sono dimensioni precise; il diametro dello spazio ovale varia solitamente tra i 140 e 150 metri. Nel caso della forma quadrata, possiamo pensare all’unione di due campi di calcio, uno affianco all’altro. Nonostante queste dimensioni, gran parte del gioco del cricket si svolge nel centro del campo in una sorta di corridoio denominato “pitch”; il “pitch” è una zona rettangolare che misura 20,12 metri in lunghezza per 3,05 metri in larghezza. Agli estremi di ogni base (bowling creases) saranno inseriti gli “stumps” (paletti) che deve difendere il battitore e che insieme si chiamano “wicket”.

Grazie però ai materiali specifici che esistono oggi nel mercato, il cricket può campo-cricket essere anche adattato a campi di calcio in erba già esistenti: parliamo del “cricket matt”, una specie di tappeto che si posiziona nel centro del campo e che forma il “pitch”, cioè, la zona dove si lancia e si batte la pallina. Se parliamo di cricket non tradizionale, possiamo dire che il cricket ad oggi si può giocare in qualsiasi superficie come in palazzetti sportivi (“cricket indoor”), sulla spiaggia (“beach cricket), in cortili di scuola come iniziazione (“kwik cricket”), in campetti di calcio a 5 e in campi di calcio a 11 in erba.

L’età non è un fattore determinante nello sport del cricket, la cosa importante è avere il giusto “Spirit of the Game” (Spirito di Gioco) attraverso il quale quello che conta è divertirsi giocando nel massimo rispetto delle regole, dei compagni, degli avversari e degli arbitri.

 
 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Cliccando sul tasto OK chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie. LEGGI LA COOKIE POLICY

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi